Roma sotto scorta per il Giubileo, allarme terrorismo in Italia: Gabrielli “Pronti ad abbattere droni”

Cresce la preoccupazione in Italia, dopo gli ultimi attentati di Parigi. La preoccupazione cresce, anche per l’avvicinarsi di un grande appuntamento per il nostro paese, ovvero il Giubileo e proprio su questo sta lavorando il Prefetto di Roma, Franco Gabrielli. “Siamo all’interno di una minaccia ma questo non ci deve indurre a un atteggiamento di paura”,ha dichiarato Gabrielli, intervenuto all’inaugurazione della centrale operativa del numero unico 112 per la capitale.

Il piano predisposto dal Prefetto di Roma prevede di abbattere i droni e neutralizzare la minaccia di attentati terroristici con velivoli senza pilota. «Che ultraleggeri e droni volino è un dato scontato. Il tema è non farli alzare in volo e per questo, memori di quanto avvenuto al funerale di Vittorio Casamonica, stiamo predisponendo un potenziamento dei sistemi di intercettazione e, nelle condizioni che lo consentiranno, anche di abbattimento», ha dichiarato il Prefetto di Roma.

«Sono un convinto assertore dell’assoluta consapevolezza che una minaccia esista. Ma dobbiamo essere altrettanto consapevoli che le istituzioni stanno facendo un grande sforzo perchè questa minaccia non si realizzi pienamente e affinché il rischio possa essere ridotto»aggiunge Gabrielli.

Intervenuto sulla questione anche il capo dello stato maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, il quale ha dichiarato:”l’Isis è un pericolo da tempo, l’Occidente deve rispondere, la risposta non può essere solo militare ma anche di sistema. Le forze armate sono solo una componente adeguata di risposta.Il terrorismo è una mala pianta, elemento che mette in pericolo la sicurezza. Quanto ad una possibile soluzione militare, la linea è indicata dalla politica”. 

«Dopo quanto accaduto durante i funerali di Vittorio Casamonica stiamo predisponendo un potenziamento del sistema di intercettazioni dei droni che consentiranno, sempre in condizioni particolari, anche il loro abbattimento». Ricorda Gabrielli, «è fatto divieto di abbattere qualunque cosa voli sopra i centri abitati, perché il danno sarebbe maggiore». Le forze dell’ordine, ha aggiunto il prefetto, in vista dell’Anno santo, «si stanno attrezzando per potenziare sia il sistema di rilevamento sia quello di contrasto in occasione degli eventi che consideriamo più esposti».

One comment

  1. Non sono capaci di presidiare gli ingressi delle stazioni delle metropolitane, tanto che i romani saltano i tornelli per non pagare il biglietto, e ora pensano che i pericoli possano arrivare dai DRONI?
    Ridicoli, sempre più ridicoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.