Grecia, Alexis Tsipras choc: elezioni anticipate a settembre e dimissioni

0

In Grecia le elezioni anticipate non sono vicine, ma vicinissime, al punto che si potrebbe votare il 13 o il 20 settembre, oppure al più nel mese di ottobre del 2015. Questo dopo che, all’interno di Syriza, Alexis Tsipras non sembra essere riuscito a ricomporre la frattura con quelli che sono, all’interno del partito, i dissidenti ovverosia coloro che continuano ad opporsi senza se e senza ma agli accordi siglati con l’Ue nell’ambito del nuovo piano di salvataggio.

In un primo momento a far intendere che in Grecia le elezioni sarebbero state imminenti erano stati, con le loro dichiarazioni sibilline, prima il ministro delle Finanze Tsakalotos, e poi quello dell’ambiente Skourletis. Successivamente l’annuncio è arrivato dal diretto interessato, Alexis Tsipras, che in Tv ha annunciato le proprie dimissioni sottolineando, tra l’altro, come il Paese abbia superato comunque la fase più dura.

Andrò dal presidente della Repubblica a presentare le dimissioni’, ha dichiarato Alexis Tsipras che, riferendosi al voto anticipato, ha aggiunto inoltre che ‘Il popolo deve prendere il potere’, e che ‘Voi dovete decidere se siamo riusciti a portare avanti il Paese e se siamo in grado di far uscire il Paese dalla crisi‘.

Durante il suo intervento in Tv Alexis Tsipras ha anche lanciato indirettamente dei messaggi alla frangia dei dissidenti del suo partito, in merito proprio al piano di salvataggio ed alle intese sottoscritte con l’Ue facendo presente che ‘siamo obbligati a rispettare l’accordo, ma combatteremo per mitigarne le conseguenze avverse‘. Presto però, con il voto anticipato, tutto sarà rimesso nelle mani del popolo greco.

Rispondi o Commenta