Halloween, le zucche fanno paura all’ambiente: scarti convertiti in energia con biocarburanti

Per Halloween le zucche fanno paura anche all’ambiente in quanto ogni anno, per una festa che non si celebra solo negli Stati Uniti, ma oramai anche in Paesi come l’Italia, vengono buttati nella pattumiera milioni di tonnellate di rifiuti organici.

E così il dipartimento Usa dell’Energia è corso ai ripari annunciando il finanziamento di bioraffinerie in grado di convertire i rifiuti organici in energia. Rifiuti organici che, altrimenti, nella loro fase di decomposizione liberano nell’aria metano con conseguenti ricadute negative sull’ambiente.

Inoltre, convertendo milioni di tonnellate di rifiuti organici, compresi gli scarti delle zucche di Halloween, il risparmio ambientale sarà doppio in quanto si eviteranno le emissioni di metano e, nello stesso tempo, diminuirà la dipendenza dal carbone per la produzione di energia.

I rifiuti organici nelle bioraffinerie si trasformeranno in biocarburante che sarà utilizzato nel settore della difesa con il dipartimento Usa dell’Energia che al riguardo ha già individuato tre compagnie da finanziare al fine di realizzare i progetti.

‘Non ci vorrà molto perché le 590 mila tonnellate di zucche prodotte annualmente diventino importanti per la sicurezza energetica come lo sono per Halloween‘, ha fatto sapere il dipartimento Usa dell’Energia che, in base al progetto messo a punto per l’uso degli scarti organici, prevede di produrre annualmente ben 350 milioni di litri di biocarburanti. La produzione di biocarburanti dagli scarti organici rappresenta il top della sostenibilità a livello ambientale per quanto detto in precedenza ma anche perché in questo modo si produce energia senza andare a ridurre la disponibilità di derrate alimentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.