I cani fiutano il tumore alla prostata, più efficaci dei test

cani sono considerati da sempre i migliori amici dell’uomo, e sembra che questo “luogo comune” stia per essere davvero confermato grazie ad uno studio attualmente in corso e condotto dal Dottor Gianluigi Traversa avviato insieme al centro militare veterinario dell’esercito che ha sede a Grosseto.Da quanto emerso, due femmine di pastore tedesco, Liù e Zoe già cani antimina, sono riuscite a scoprire il tumore, nel 97% dei casi.Sembra che i cani, soprattutto quelli addestrati, siano in grado di individuare, grazie alla loro capacità, anche piccole quantità di sostanze chimiche, riuscendo a trovare anche tumori prima che possano causare alcun sintomo.

Uno studio presentato proprio in questi giorni al Meeting annuale della Urologic American Association ad Orlando ha dimostrato che i cani fiutano il tumore alla prostata nei campioni di urina con una probabilità di successo molto stupefacente.In realtà tutto sembrerebbe essere nato dall’intuizione di un medico inglese di appena 30 anni. “Disse che il suo cane aveva scoperto un melanoma alla moglie, pubblicò la notizia e io lo contattai  da quel momento incominciai a lavorare per capire se l’esperienza del medico inglese poteva essere fantascienza o realtà», ha dichiarato Traversa, il responsabile della sezione di Parologia prostatica dell’Istituto clinico Humanitas.

«Il tumore prostatico ha un odore particolare e ora il prossimo passo sarà quello di capire quali sono le molecole e cosa annusa il cane»,aggiunge Traversa. Sono in tanti gli studiosi provenienti da tutto il mondo incuriositi dallo studio condotto dal Dott Traversa e che hanno chiesto di collaborare con lui, tutti uniti con un solo obiettivo, ovvero scoprire cosa fiuta il cane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.