Immigrazione scontro Lega Chiesa Matteo Salvini “I vescovi non rompano le palle”

A distanza di alcuni giorni è ancora scontro tra vescovi e Lega Nord sul tema dell’immigrazione. Dopo gli scontri accesi nei giorni scorsi tra Matteo Salvini ed il Segretartio della Cei Monsignor Galantino, il leader del Carroccio ha voluto rincarare la dose, dichiarando quanto segue: «Io rispetto chi mi rispetta. So che la Chiesa, per il novanta per cento, è sana. C’è però qualche vescovo che fa politica. E poi un vescovo non dovrebbe insultare».

Nel contempo, Matteo Salvini, nel corso di un’intervista ha voluto rendere noto il suo progetto imminente, ovvero un viaggio in Africa, ed a tal riguardo dichiara:«Dal 29 settembre al primo ottobre andrò in Nigeria, per chiedere ai ministri nigeriani di che cosa hanno bisogno per evitare che i cittadini di quello stato lascino il loro Paese.Mi piacerebbe che se ne occupassero alcuni vescovi a cui piace molto sproloquiare sull’immigrazione e rompere le scatole alla Lega».

Poi, il duro attacco nei confronti del segretario generale della Cei, Monsignor Nunzio GalantinoA pensar male, viene da credere che voglia difendere il business miliardario che una parte minoritaria della Chiesa coltiva grazie agli immigrati. Conosco di uomini di Chiesa che non la pensano come questo vescovo comunista.Il Papa è ad un livello troppo alto perché io lo possa giudicare.Ma se un vescovo vuole fare politica deve aspettarsi le risposte che si merita. La penso come il monsignore.Il governo non fa nulla, che è anche peggio che adottare soluzioni sbagliate. L’accoglienza si può fare nei porti. Di modelli ce n’è più d’uno. L’Italia fa solo pasticci.Sono cattolico, anche se un gran peccatore. Non per questo son disposto a bermi tutto». 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.