Immunonutrizione: curarsi con il cibo adesso si può, scopri come

0

Chi l’ha detto che per curarsi occorrono sempre i farmaci? Si diffonde sempre di più la convinzione, sostenuta tra l’altro da moltissime evidenze scientifiche che una buona salute si acquista prima di ogni cosa dalla tavola, o meglio dall‘alimentazione seguita. E’ risaputo che una sana alimentazione apporta benefici al nostro organismo e lo aiuta a difendersi anche dal rischio di alcune patologie.

A tal riguardo, è nata proprio una scienza ovvero l’Immunonutrizione che studia l’impatto del cibo sul sistema immunitario e di conseguenza sulla salute.

Ad esempio, secondo tale scienza, non andrebbero mai mischiati il latte con la frutta, così come ad esempio il cioccolato con il tè. Sono tantissimi i benefici dell’immunonutrizione che vengono spiegati dal responsabile del laboratorio di Alimenti funzionali e prevenzione dello stress metabolico presso il Consiglio per la ricerca in Agricoltura ovvero Mauro Serafini e dal Professore di immunologia all’Università di Bari, ovvero Emilio Jirillo. Secondo questa nuova scienza, ogni cibo che assumiamo produce una reazione del sistema immunitario, uno stato infiammatorio che potrebbe venir bloccato qualora si scelgano cibi giusti, proprio come se assumessimo dei farmaci.

Ecco qui di seguito alcuni importanti consigli dettati dagli esperti: ridurre il consumo di cibi grassi, zuccheri semplici e cibi ad alto contenuto calorico, che producono una risposta immunitaria che dura dalle 6 alle 8 ore dopo il pasto, è inoltre importante mantenere sotto controllo la massa grassa, che è quella che causa le malattie cardiovascolari ed anche il diabete. Altro consiglio importante è quello di assumere frutta e verdura, preferendo quella fresca.Stando ai consigli di Mauro Serafini e Emilio Jirillo è importante assumere probiotici i quali contribuiscono in modo positivo alla salute ed al benessere aiutando a prevenire ed a migliorare le allergie, infiammazioni intestinali di varia natura, oltre che alterazione immunitarie legate all’obesità ed all’invecchiamento.

Rispondi o Commenta