Imu e Tasi,si avvicina il 16 dicembre per 13 milioni di italiani:ecco come pagare

Pochi giorni e poi 13 milioni di italiani saranno chiamati a pagare del saldo 2015 di Imu e Tasi. L’appuntamento è fissato per il prossimo 16 dicembre , giorno in cui come anticipato dovrà essere versata la seconda rata a saldo dell’Imu e della Tasi, tanto discussi negli ultimi anni.

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che l’Imu,ovvero l’Imposta Municipale Unica dovrà essere versata per le abitazioni principali appartenenti alle categorie catastali A1,A8 ed A9, ed ancora per le seconde abitazioni, per le aree fabbricali, terreni agricoli,per quanto riguarda la Tasi, invece, ovvero la Tassa sui servizi indivisibili questa dovrà essere versata per i fabbricati, per le aree edificabili e le aree scoperte.

Il calcolo e di conseguenza il pagamento dovrà essere effettuato sulla base delle nuove aliquote 2015, e proprio per questo motivo, prima di provvedere al pagamento sarebbe opportuno consultare le delibere dei propri Comuni di residenza in modo da chiarire se l’acconto versato nel mese di giugno è stato già calcolato con le nuove aliquote o meno. Molti comuni hanno confermato l’aliquota Imu, come ad esempio la città di Roma che ha riconfermato l’aliquota del 5 per mille per le prime case di categoria catastale A1, A8 ed A9 con detrazioni di 200 euro e del 10,6 per mille per altri immobili, e le aliquote Tasi del 2,5 per mille per l’abitazione principale.

Anche il comune di Firenze ha riconfermato le aliquote 2014 sia per l’Imu che per la Tasi,mentre la città di Napoli ha deliberato nuove aliquote 2015.Per chi non lo sapesse,ricordiamo che per l’Imu ma anche per la Tasi l’imponibile si calcola prendendo la rendita catastale rivalutata del 5% e applicando il coefficiente relativo alla tipologia dell’immobile.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.