Influenza stagionale, è boom di casi nel mese di novembre:registrati già oltre 300mila casi solo in Italia

Avevamo annunciato alcune settimane fa che il boom di casi dell’influenza stagionale sarebbe arrivato prima di Natale, ma bisogna dire che già purtroppo 314.600 italiani sono stati colpiti e solo 62200 sono stati colpiti dalla settimana che va dal 23 al 29 novembre.

I dati sono stati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità e comunicano che la situazione è comunque sotto controllo anche se ad essere più colpiti purtroppo sembrano essere i bambini.

“Ci vorrà ancora qualche settimana perché la curva inizi a salire, quando il freddo si intensificherà e sarà prolungato ci sarà lo scoppio della vera e propria influenza, per il momento osserviamo che ‘lavorano’ bene le sindromi para-influenzali che sono favorite dagli sbalzi termici. Dall’inizio della risalita poi il picco non sarà immediato, ci vorranno due o tre settimane“,dichiara il virologo Fabrizio Pregliasco. Come già anticipato, ad essere più colpiti sono i bambini, nello specifico nella fascia 0-4 anni l’incidenza è pari a 2,97 casi per mille assistiti e in quella 5-14 anni a 1.19.Ovviamente esistono i rimedi per prevenire l’influenza e come sottolinea Pregliasco il migliore è senza dubbio la vaccinazione.

” È sempre il momento giusto per farlo ma vaccinandosi adesso si è protetti proprio nel periodo in cui il numero di casi si intensificherà”, ha sottolineato il virologo Pregliasco.Intervenuto sulla questione anche Giacomo Milillo, il segretario Fimmg,ovvero la Federazione italiana medici di famiglia, il quale ha dichiarato:“E’il momento giusto, la percezione è che vi sia una maggiore adesione alle vaccinazioni rispetto agli scorsi anni”.Questo, è dunque il momento giusto per vaccinarsi, in prossimità delle feste natalizie in cui viaggi, baci e abbracci fanno da veicolo per una maggiore diffusone dei virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.