Inps, dati incoraggianti per il lavoro soprattutto a tempo indeterminato

Dati incoraggianti quelli diffusi dall’Inps riguardo il lavoro in Italia. Secondo tali dati, i nuovi posti di lavoro rispetto allo scorso anno sono aumentati di quasi 320 mila; nel 2014 il saldo positivo era stato di 134 mila unità, e dunque la crescita registrata è stata del +138%.Sono anche aumentati i rapporti di lavoro a tempo indeterminato nei primi tre mesi che ammontano a circa 470.784,ovvero 91.277 in più rispetto allo stesso periodo del 2014.Nello stesso periodo l’aumento complessivo delle nuove assunzione e’ stato pari a 49.972 unita’. In totale sono state invece 135.684 le cessazioni di rapporti di lavoro, per cui il saldo netto dei rapporti di lavoro e’ stato pari a 185.656 unita’.

“I dati ufficiali Inps sul lavoro ci dicono che la strada da percorrere e’ ancora lunga, ma la macchina finalmente e’ ripartita.Dopo cinque anni di crollo costante,tornano a crescere gli occupati. Il fatto che molti di questi contratti siano agevolati dalle misure del Jobs Act (stabilita’, sgravi, tutele crescenti, taglio Irap) e’ sicuramente un fatto positivo. Mi colpisce che ci sia chi dice: ‘Beh pero’ una parte non sono nuovi contratti, ma regolarizzazioni e stabilizzazioni’, fa sorridere! Era infatti proprio quello che volevamo, ha dichiarato il Presidente Renzi.Non e’ la stessa cosa per un precario vedere trasformato il proprio contratto a tutele crescenti: e’ una svolta per la vita di tanti ragazzi della nostra generazione. Perche’ significa un mutuo, le ferie, la maternita’. Naturalmente c’e’ ancora molto lavoro da fare. Ma grazie all’impegno di tutti e di ciascuno l’Italia ce la fara’”, aggiunge il Premier Matteo Renzi direttamente sul proprio profilo Facebook. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.