Intelligence americana lancia allarme terrorismo: jihadisti Isis negli Usa con documenti falsi

0

In Siria, e precisamente a Deir el-Zor e Raqqa, che sono due città che sono state prima conquistate e poi occupate dallo Stato Islamico quasi un anno e mezzo fa, ci sarebbero delle stamperie dove si producono documenti contraffatti.

E questo per permettere agli jihadisti delI’Isis di penetrare in territorio americano, come dei veri e propri infiltrati, esibendo passaporti siriani che sembrano a prima vista autentici. Questo è quanto, in particolare, ha riportato Abc News citando un rapporto dell’intelligence americana considerando anche il fatto che i kamikaze di Parigi hanno utilizzato proprio dei passaporti siriani falsi.

L’intelligence Usa ha precisato che il Rapporto è stato redatto in base a fonti che offrono una ‘fiducia moderata’, ovverosia al secondo livello più alto per quel che riguarda il giudizio sull’attendibilità delle fonti. ‘Si teme che l’Isis abbia la capacità di produrre passaporti fraudolenti, che è un problema in qualsiasi ambiente’, ha non a caso dichiarato nei giorni scorsi il direttore dell’Fbi nel corso di una testimonianza davanti al Congresso degli Stati Uniti.

Intanto in Europa, ed in particolare in Svizzera, il livello dell’allerta terrorismo è stato alzato dopo che la polizia di Ginevra si è messa alla caccia di alcuni individui che avrebbero dei legami e dei collegamenti con le stragi di Parigi. Sarebbero quattro i ricercati, con tanto di foto segnaletiche e con il responsabile della comunicazione del Dipartimento di Sicurezza di Ginevra che, interpellato dall’agenzia Ats, ha dichiarato che ‘siamo passati da una minaccia vaga ad una minaccia specifica‘.

Rispondi o Commenta