Isis, nuova minaccia da parte di Al-Baghdadi:”Raid non ci hanno indebolito”

0

Nella giornata di ieri è arrivata una nuova minaccia per mano del “califfo” dell’autoproclamato Stato Islamico Abu Bakr Al-Baghdadi, il leader dell’Isis. Il califfo avrebbe pubblicato un messaggio audio direttamente su Twitter, nel quale Abu Bakr Al-Baghdadi, dichiara: «Siate fiduciosi che Allah concederà la vittoria a quanti lo pregano, e ricevete la buona notizia che il nostro Stato se la sta cavando bene. Più è intensa la guerra che gli viene mossa, più diventa puro e forte».

Proprio lo scorso mese di ottobre si era parlato di un possibile ferimento del califfo nel corso di un bombardamento dell’aviazione irachena contro il convoglio sui cui viaggiava, vicino la Siria, ma poi la notizia in realtà non fu mai confermata.

«La Palestina non sarà la vostra terra né la vostra casa ma il vostro cimitero. Allah vi ha raccolto in Palestina perché i musulmani vi uccidano», aggiunte il califfo il quale ha anche minacciato l’Arabia Saudita che  ultimamente ha coalizzato con i paesi islamici contro il terrorismo.

A tal riguardo Al Baghdadi dichiara: «Se fosse una coalizione islamica si sarebbe dichiarata libera dai suoi padroni ebrei e crociati e avrebbe fatto dell’uccisione degli ebrei e della liberazione della Palestina il suo obiettivo». Ed infine il califfo invia anche un messaggio agli ebrei: “ Pensavano che avessimo dimenticato la Palestina e pensavano di essere riusciti a distrarre la nostra attenzione. Assolutamente no, non abbiamo dimenticato la Palestina nemmeno per un momento e con l’aiuto di Allah non la dimenticheremo. Presto, molto presto, avvertirete la presenza dei combattenti della Jihad”.

Rispondi o Commenta