ISIS: Palmira liberata

Le forze militari siriane hanno respinto i miliziani dello Stato islamico, liberando cosi la città di Palmira e salvando rovine del sito patrimonio dell’Unesco che non sono state distrutte, come aveva minacciato l’Isis. Lo hanno reso noto akcune fonti ufficiali siriane; la notizia è anche stata confermata dal direttore delle antichità e dei musei Mamoun Abdulkarim, che ha annunciato che i jihadisti dell’Isis hanno perso la città, conquista sabato. Abdulkarim ha dichiarato: “Oggi abbiamo buone notizie, stiamo molto meglio. Non ci sono danni alle rovine, ma questo non significa che non bisogna essere preoccupati”.

Gli ultimi aggiornamenti riportano che sono almeno 32 i miliziani con più o meno importanza uccisi nell’ambito dell’esercito dell”Isis”, nei raid aerei nell’est della Siria; uno di questi raid è stato condotto da forze speciali degli Stati Uniti, nei raid sono rimasti uccisi in totale ben quattro leader dello stato islamico.   Da una stima dell’Osservatorio nei quattro giorni di combattimento ci sono state a Palmira: 295 vittime di cui: 123 soldati e miliziani lealisti siriani, 115 jihadisti dell’Isis e 57 civili.

Talal Barazi, governatore della provincia di Homs, di cui Palmira fa parte, ha detto:  “Scaramucce sono ancora in corso ad Al Ameriyeh, a Nord-Est della citta’, ma lo Stato islamico ha dovuto abbandonare le colline che sovrastano il centro”. Vittorie che risollevano un po la popolazione provata dal terrore provocato dalla presenza dei temibili miliziani che uccidono senza nessuna pietà gli innocenti; inoltre gli obbiettivi raggiunti rinforzano il morale di chi deve combattere questa guerra, truppe coraggiose contro i Jihadisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.