Isis,la Russia schiera le navi al fianco della Francia, missili su Raqqa

La Russia scende in campo al fianco della Francia,nella guerra contro l’Isis. In seguito agli attentati terroristici che hanno colpito la Francia e nello specifico Parigi lo scorso venerdì, Hollande ha chiesto aiuto all’Europa e l’intera Ue ha risposto positivamente. L’aeronautica russa ha raddoppiato le incursioni aeree contro i jihadisti dell’Isis in Siria, lo ha riferito a Putin il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. “La Russia deve coordinarsi con la Francia per combattere i jihadisti in Siria”, ha dichiarato Putin.

L’appello di Hollande è stato accolto positivamente dai ministri della Difesa dei ventotto, appello lanciato in nome della clausola di solidarietà contenuta nell’articolo 42.7 del trattato di Lisbona, che prevede sostegno per un Stato membro vittima di un’aggressione.

«La Francia domanda l’assistenza dell’Europa, e oggi la risposta dell’Europa è sì»,dichiara Federica Mogherini, l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea. La Russia, dunque, scende in campo al fianco della Francia, e solo nella giornata di ieri sono stati utilizzati 25 bombardieri strategici tra cui Tu-160, Tu-95 Ms e Tu-22M3, partiti dalla Russia.

Putin ha anche comunicato che aumenterà le azioni militari sulla Siria, ed ha ordinato che la sua Marina operi al fianco delle forze francesi. Missili russi su Raqqa, i quali stando a quanto emerso, sarebbero stati lanciati non da navi ma da un sommergibile. “L’attività bellica dell’aviazione in Siria non deve essere solo continuata: deve essere rafforzata, affinché i criminali capiscano che il castigo è inevitabile. Chiedo al ministero della Difesa e allo stato maggiore generale di fornire proposte in tal senso. Controllerò come va il lavoro”, ha detto Putin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.