Isobel Varley: morta la donna più tatuata al mondo

0

Isobel Varley  77enne inglese era l’originale detentrice del record di  nonna più tatuata del mondo; il suo corpo era una coloratissima cartina di tattoo di ogni tipo,   Originaria dello Yorkshire, nel Regno Unito, la Varley, nata nel 1937, è stata la donna che si è guadagnata a suon  di tattoo , la nomination nel Guinness World Records nel 2000 grazie al 93% del suo corpo ricoperto da disegni colorati.

Aveva dichiarato di essere sempre stata affascinata dai tatuaggi che fin dalla tenera età ammirava e desiderava, tanto da farsi tatuare per la prima volta da proprio da bambina; il suo tatuaggio preferito consisteva in una famiglia di tigri, realizzata sul petto in onore della sua maternità.  Durante una visita a un convegno di tatuaggi a Londra, all’Hammersmith Palais, nel 1986, qualcosa ha dato il via per Isobel a una vera ossessione che ha visto il suo corpo diventare un’icona del body art firmato; nel corso di un periodo di circa dieci anni Isobel ha trascorso più di 500 ore a decorare il suo corpo.

Le uniche parti del corpo di Isobel non completamente tatuate erano il viso, le piante dei piedi, le orecchie e qualche piccola parte delle mani. Oltre ai tatuaggi su tutto il corpo, la Varley aveva anche 50 piercing, posti all’esterno e all’interno del suo corpo, aveva più di 200 disegni inchiostrati, che coprivano  almeno il 76% del suo corpo di tatuaggi.  Isobel è mancata l’11 maggio.

La pratica i tatuare il corpo completamente è molto diffusa e vi sono nel mondo altri diversi candidati in lista per l’originale primato che era detenuto dalla nonna più tatuata del mondo.

Rispondi o Commenta