Israele: gite scolastiche in Europa sconsigliate, un solo Paese fa eccezione

Le gite scolastiche nelle maggiori capitali europee, da parte degli studenti israeliani, sono sconsigliate. A fornire questa indicazione/raccomandazione, che assomiglia molto ad un vero e proprio divieto per ragioni di sicurezza, è stato il ministero dell’Istruzione di Israele citando proprio il rischio di nuovi attentati terroristici nel Vecchio Continente.

Il ministero dell’Istruzione di Israele pone come unica eccezione per il ‘divieto’ delle gite scolastiche in Europa quelle organizzate con destinazione la Polonia dove è avvenuto lo sterminio di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. Pur tuttavia, per tutte quelle scuole di Israele che decidessero in ogni caso di organizzare gite in Europa, il Ministero consiglia di non fissare come destinazione le maggiori città del Vecchio Continente. Inoltre, è bene non affidarsi ai mezzi pubblici e fare sempre in modo che gli allievi non si spostino mai da soli.

Quella presa da Israele è una decisione che potrebbe diventare contagiosa nel senso che, dopo gli attacchi terroristici del 13 novembre del 2015 a Parigi, altri Paesi del mondo dal fronte turistico potrebbero consigliare allo stesso modo di non viaggiare per l’Europa. Nel caso si tratterebbe di un brutto colpo per l’economia Ue considerando che solo ora si sta lentamente uscendo dalla crisi, e che è proprio il rischio terrorismo uno dei fattori che potrebbe minare la ripresa.

Chiudersi in casa vorrebbe dire darla vinta ai professionisti del terrore’, ha intanto dichiarato il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in accordo con quanto è stato riportato da IlGiornale.it. Ma Israele non ha per nulla accolto tale appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.