Israele, si dimette il ministro Shalom accusato di molestie sessuali da undici donne

0

Nella giornata di ieri il vicepremier nonchè Ministro degli Interni Israeliano Silvan Shalom,  ha annunciato le sue dimissioni da ogni carica, compresa quella parlamentare. Il motivo? Shalom è accusato di molestie sessuali da ben undici donne.

«Ne ho abbastanza di tormenti che cadono su di me e la mia famiglia, mia moglie, i miei figli e la mia anziana madre. La mia famiglia è completamente al mio fianco, ma non c’è alcuna ragione per il prezzo che sono costretti a pagare. In queste circostanze, ho deciso di dimettermi dalla mia posizione come ministro e membro del parlamento», ha dichiarato il Ministro Shalom annunciando così le dimissioni.

Come già anticipato Shalom sarebbe stato accusato da almeno 7 donne di violenza sessuale, ma si presume che il numero delle donne sia molto più alto; il tutto cominciò con una rivelazione di Haaretz su una serie di incidenti avvenuti nel corso di un intero anno, rapporti che si sarebbero aggiunti a quello di una donna il quale denunciò il Ministro perché dieci anni fa gli chiese un rapporto orale abusando della sua autorità.Tale denuncia non portò a nulla perchè andò in prescrizione.

C’è da dire che la decisione di mollare tutto ha davvero lasciato l’opinione pubblica così come il mondo politico senza parole e tanti sono stati i colleghi che hanno commentato quanto accaduto. “Shalom ha fatto bene a non aspettare e a dimettersi. Su un piano personale ha fatto la cosa giusta», ha dichiarato l’ex leader dei laburisti Shelly Yacimovich. Ed ancora intervenuto il viceministro degli esteri Tzpi Hotovely il quale ha invece dichiarato:”non c’è posto in parlamento per lui, qualora fosse davvero colpevole”.

Rispondi o Commenta