Juventus – Udinese info e diretta tv streaming su Rojadirecta, probabili formazioni

Rinnovata e incompleta. Si presenta così la Juventus al nastro di partenza del campionato per dare la scalata al quinto scudetto consecutivo, impresa compiuta dai bianconeri soltanto nel Quinquennio d’Oro degli Anni Trenta. Una condizione che non preoccupa affatto Massimiliano Allegri, fiducioso nel lavoro della dirigenza, con la quale ribadisce la totale sintonia d’intenti e di scelte, per colmare i tasselli mancanti e nel lavoro del suo staff per assemblare al meglio la squadra che presenta tanti volti nuovi ed è orfana di tre campioni. «Per dare un futuro alla Juventus, era necessario cambiare – il messaggio del tecnico -.

E quando si fa un’opera di rinnovamento è normale essere ancora in fase di costruzione. Affronteremo così le prossime partite contro Udinese e Roma, ma questo non mi crea né disagio né difficoltà: sono sereno perché la squadra ha lavorato bene. E la società ha dieci giorni per completare la rosa».

Neppure la richiesta di replica alla polemica di Mourinho riesce a far cambiare d’umore il tecnico juventino. «Ho altro da aggiungere sui suoi Oscar e Ramires? Meglio pensare alla stagione. Ci sono 38 gare di campionato, 6 di Champions e la Coppa Italia: ora è importante parlare di questo. Sarà un campionato più equilibrato rispetto all’anno scorso e ci vorranno meno punti per arrivare primi. Dovremo fare un passo alla volta per terminare in testa il 16 maggio. Il nostro organico è in grado di poter vincere il campionato, ma ci serve un po’ più di tempo e pazienza, visti i tanti cambiamenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.