Segui Newsitaliane.it su Facebook

La solitudine nuoce gravemente alla salute, indebolisce le difese immunitarie ed aumenta il rischio di morte


Sapevate che di solitudine si può persino morire? Ebbene si, la solitudine stando a quanto emerso, sembra abbassi le difese immunitarie influenzando i geni. E’ questo il risultato di uno studio pubblicato recentemente sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da John Cacioppo, psicologo dell’Università di Chicago, che da tempo ormai studia gli effetti della solitudine non solo sulla psiche ma anche sul corpo umano.Non è di recente scoperta, che il fatto di essere soli, soprattutto in età anziana, aumenta il rischio di morte ed accorcia l’aspettativa di vita; nello specifico lo psicologo Cacioppo ha studiato gli effetti nocivi della solitudine dal punto di vista dei meccanismi organici del nostro corpo.

Stando a quanto emerso dallo studio, sembra che le cellule immunitarie di persone in condizioni di solitudine presentano un’attività genetica alterata a favore di geni pro-infiammatori e a discapito invece di geni i quali hanno lo scopo di difenderci dagli agenti infettivi.

 “Cambia il corpo e rende più probabile una risposta infiammatoria che mette l’organismo in uno stato di allerta, pronto per affrontare un’infezione batterica”, dichiara lo psicologo Cacioppo.

I ricercatori hanno coinvolto un gruppo di uomini e donne di età superiore ai 50 anni, dimostrando che alcuni geni del sistema immunitario, i geni chiamati CTRA, sono più attivi nelle persone che hanno dichiarato di sentirsi molto sole. Si è così mostrata l’esistenza di un circolo vizioso che lega indissolubilmente l’essere soli ad un sistema immunitario alterato e viceversa.

Privacy Policy