Legalizzazione della marijuana a scopo ricreativo, Messico: giudici ribaltano politica proibizionista

La marijuana a scopo ricreativo in Messico si può legalizzare. E’ questa infatti in Messico la novità dopo che niente poco di meno che la Corte Suprema ha sancito che nel Paese è incostituzionale la norma che prevede il divieto dell’uso e del consumo della cannabis a scopo ricreativo. Dopo decenni di politica proibizionista in Messico, ovverosia in un Paese dilaniato dalla guerra che si fanno tra di loro i cartelli della droga, la decisione dei giudici segna una svolta che potrebbe essere di portata storica.

La svolta potrebbe arrivare da quattro giovani visto che la sentenza della Corte Suprema, in accordo con quanto peraltro riportato dal New York Times, si basa proprio sulla richiesta dei ragazzi di poter coltivare e fumare la cannabis da loro stessi prodotta. La Corte ha riconosciuto ai quattro ragazzi tale diritto ribaltando così quella che è stata la lunga politica proibizionista portata avanti dal Governo messicano. Questo perché secondo la Corte Suprema, imponendo ai 4 ragazzi di non coltivare e fumare la cannabis da loro stessi prodotta, avrebbe violato il ‘diritto del cittadino al libero sviluppo della propria personalità‘.

Per ora la sentenza della Corte Suprema sarà applicata solo per i quattro giovani che potranno produrre e consumare cannabis con divieto assoluto di commercio. Il precedente della Corte per poter diventare legge necessita di altre cinque sentenze ma in ogni caso una breccia è stata aperta contro il proibizionismo come peraltro messo in risalto da ‘Smart’, Società messicana per l’autoconsumo responsabile, che da un paio d’anni a questa parte si sta battendo per la legalizzazione della cannabis in Messico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.