Licio Gelli è morto: addio al venerabile della loggia massonica P2, aveva 96 anni

Addio a Licio Gelli, l”ex venerabile della loggia massonica P2, che si è spento all’età di 96 anni a Villa Wanda ad Arezzo, la sua dimora, dopo essere stato recentemente ricoverato in ospedale. In 40 anni di misteri italiani, oltre che ‘il venerabile‘, Licio Gelli di volta in volta è stato definito ora ‘Belfagor’, ora il ‘burattinaio’.

In oltre 30 anni di storia italiana, la P2 è stata spesso tirata in ballo in quanto coinvolta direttamente o indirettamente nei casi di cronaca e negli scandali più clamorosi, dal tentato golpe Borghese al crack Sindona e passando per i casi Calvi e Moro, per la scalata ai grandi gruppi editoriali, ed anche per tangentopoli e per numerosi fatti di mafia.

Nato a Pistoia il 21 aprile del 1919, Licio Gelli è stato un imprenditore ed un faccendiere italiano, nonché una delle figure più controverse visto che da un lato ha subito delle condanne, e dall’altro ha ottenuto pure titoli ed onorificenze. La figura di Licio Gelli è stata anche fonte d’ispirazione per il cinema, ad esempio nel film del 2002 dal titolo I banchieri di Dio.

La pellicola, con la regia di Giuseppe Ferrara, vede l’attore Camillo Milli interpretare il personaggio di Licio Gelli per un film che narra le vicende dello scandalo e del crack del Banco Ambrosiano ed anche gli ultimi mesi di vita di Roberto Calvi, che fu trovato morto a Londra il 17 giugno del 1982. Da segnalare pure il documentario ‘C’era una volta Licio Gelli‘ del grande Enzo Biagi con la regia di Sarah Nicora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.