L’Isis ha coniato le prime monete ufficiali dello Stato Islamico, in oro ed argento

0

L’Isis praticamente ha cominciato a coniare le sue prime monete ufficiali, ovvero dinari islamici in oro del valore di circa 139 dollari per dinari. Proprio in questi giorni sul web sono giunte le immagini delle nuove monete, oro ed argento; non si tratta di banconote ma di vere e proprie monete. Le immagini sono apparse su Twitter e da quanto emerso sono state postate dagli attivisti anti-jihad, come Abu Ibrihim Raqqawi da Raqqa.

Le prime immagini sono state diffuse lo scorso anno proprio quando l’Isis aveva annunciato l’intenzione di usare monete d’oro, d’argento e di rame. Sulla moneta da 5 dinari, si nota la scritta “Stato islamico” e riporta inoltre la data del 21 maggio; su un’altra moneta sono raffigurate 7 spine di grano, e sotto l’anno islamico 1436 dell’Egira. Sarebbero 5 dinari islamici, in oro del valore di 139 dollari per dinaro.

Non si hanno notizie su quando questa moneta potrà essere utilizzata e dunque entrerà in circolazione ma sui social media circola la voce che potrebbe avvenire proprio in occasione dell’Eid, ovvero alla fine del Ramadan fra poche settimane.

L’obiettivo della diffusione della nuova moneta è, da quanto emerso, quello di dare forza all’economia sommersa nelle aree controllate dallo Stato islamico dove tra l’altro esiste già un sistema di istruzione parallelo dove i figli degli jihadisti vengono formati.Ad ogni modo il dinaro è la moneta ufficiale del Califfato Ommayade nel VII secolo; le nuove monete, due in oro, tre in argento e due in rame avranno corso legale in tutti i territori controllati dall’Isis e principalmente in Siria e in Iraq.

Rispondi o Commenta