Lucia Borsellino sotto scorta, auto blindata e due agenti per l’ex assessore regionale

0

Alla figlia del giudice Paolo Borsellino è stata assegnata la scorta. E’ questa la decisione che, nel giorno di Ferragosto, è stata presa dal comitato per l’ordine e la sicurezza del Ministero dell’Interno con Lucia Borsellino, l’ex assessore alla Salute della Regione siciliana, che si sposterà d’ora in poi con l’auto blindata e con due agenti al seguito.

Vige il massimo riserbo sul perché per Lucia Borsellino sia stata disposta la scorta sebbene questa, in accordo con quanto riportato da ‘Il Fatto Quotidiano‘, sia stata comunque assegnata su proposta diretta che è stata formulata dal prefetto di Palermo.

La notizia relativa alla scorta per Lucia Borsellino arriva peraltro a poche settimane di distanza dalle sue dimissioni da assessore regionale nominato nella Giunta Crocetta. Sulle sue dimissioni la figlia del magistrato assassinato, in via d’Amelio, il 19 luglio del 1992, aveva parlato tra l’altro di ‘prevalenti ragioni di ordine etico e morale e quindi personale‘.

Esiste quindi un serio pericolo per Lucia Borsellino e per la sua incolumità? Ebbene, al riguardo la famiglia Borsellino ha appreso ed ha accolto con sorpresa la decisione del comitato per l’ordine e la sicurezza del Ministero dell’Interno in accordo con quanto riportato da ‘Il Secolo XIX’.

Questo perché Lucia Borsellino non è più in carica ma, come sopra accennato, sulla decisione vige la massima riservatezza con la conseguenza che viene data una possibile spiegazione della scorta a rischi generici, provenienti magari da una qualche ‘fonte’ riservata, nonché al suo lavoro ed al suo impegno politico nel settore della sanità.

Rispondi o Commenta