Macerata Civitanova Marche, bebè morto in un cassonetto

0

Macabro ritrovamento a Civitanova Marche, Comune che si trova in Provincia di Macerata, dopo che all’interno di un sacchetto di plastica è stato trovato morto un neonato prematuro di sette mesi. Il corpicino all’interno del sacchetto di plastica è stato ritrovato in via Dalmazia, nell’androne di un palazzo, e si presume con ogni probabilità che il bambino sia stato partorito in casa.

Sono state in particolare due ragazzine a notare la presenza del sacchetto di plastica che si trovava appoggiato alla mensola di una finestra. Sul luogo sono subito intervenuti i vigili urbani ed i Carabinieri con il quartiere che è sotto choc per il macabro ritrovamento in una delle vie più importanti del Comune di Civitanova Marche data la vicinanza di molti negozi ed attività commerciali.

In accordo con quanto riportato dal sito Internet del TgCom24, un primo esame esterno del corpicino è stato effettuato dal medico legale Antonio Tombolini, ma è prevista pure l’autopsia secondo quanto è stato disposto dal pm Claudio Rastrelli mentre da parte delle forze dell’ordine sono partiti gli accertamenti al fine di capire chi possa aver gettato via il bimbo dopo che, come sopra accennato, questo è stato probabilmente partorito all’interno di un’abitazione.

Secondo indiscrezioni, peraltro non confermate da parte delle forze dell’ordine, il corpicino ritrovato sarebbe quello di una bambina prematura di sette mesi dalla pelle chiara. Spetterà ora alla procura della Repubblica di Macerata, che sta coordinando le indagini sul macabro ritrovamento, cercare di risalire a chi si è disfatto del neonato.

«pacchetto su una panchina» sarebbe stata una delle due ragazzine: «Credevo fosse un regalo lasciato da qualcuno, pensavo ci fosse qualcosa di bello, così ho chiamato la mia amica e ci siamo date appuntamento a Civitanova per scartarlo». Versione che ha dell’incredibile e che è ancora al vaglio della Polizia.

Rispondi o Commenta