Maestra violenta bimbo di dieci anni e resta incinta: caso choc in Nuova Zelanda

Una maestra violenta bimbo di dieci anni, rimane incinta e poi interrompe la gravidanza per non dare adito a sospetti. Sarebbe successo in Nuova Zelanda dove una maestra avrebbe commesso degli abusi su un alunno, un ragazzino di appena dieci anni.

In un’intervista al Daily Mirror, la donna ha negato d’aver commesso abusi sul bambino facendo presente, invece, come sia stato l’alunno ad infatuarsi di lei e come, in ogni caso, non ci sia stato alcun rapporto sessuale.

La maestra però dovrà difendersi in tribunale in quanto la sua versione non combacia con quella del bimbo. In particolare, l’alunno avrebbe raccontato che spesso la maestra lo baciava e lo accarezzava. E non finisce qui visto che gli investigatori hanno trovato sul telefonino dell’alunno delle foto hot inviate proprio dalla maestra che, in attesa che si faccia luce sulla vicenda, è stata sospesa dall’insegnamento.

In accordo con quanto riportato da Blitzquotidiano.it, il legale che assiste la donna, che ora rischia una dura condanna, ritiene che le accuse a carico della sua assistita siano del tutto infondate, e che in questo modo la maestra rischia per la sua carriera professionale quella che è stata definita dall’avvocato una ‘scandalosa battuta d’arresto‘.

Il legale ha ricordato che la donna, che ha tra l’altro vinto diverse borse di studio, ha sempre aiutato gli studenti ‘in una delle comunità più povere del paese‘. Secondo l’alunno però la maestra ha fatto sesso con lui il 6 febbraio del 2014, in un hotel, ed è stata probabilmente questa la testimonianza che ha mandato la maestra a processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.