Malformazioni cavernose cerebrali, dall’isola di Pasqua arriva un antibiotico per curare la rara malattia

Secondo quanto dichiarato da un gruppo di ricercatori partecipanti al network italiano di ricerca multidisciplinare CCM Italia finanziato dalla Fondazione Telethon e coordinato dal Professor Francesco Retta dell’Università di Torino il malfunzionamento di un meccanismo biologico che serve a ripulire le cellule ovvero l’Autofagia, sarebbe alla base della malformazione cavernosa cerebrale. Di cosa si tratta?

La malformazione cavernosa cerebrale altro non è che un’anomalia dei vasi sanguigni del cervello che nella maggior parte dei casi causa attacchi epilettici, deficit neurologici ed emorragie intercerebrali.Il gruppo di lavoro in questione è stato coordinato dai Prof.Paolo Pinton e Francesco Retta, del Dipartimento di Morfologia, Chirurgia e Medicina Sperimentale dell’Università di Ferrara e del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche dell’Università di Torino.

I ricercatori nello specifico avrebbero scoperto un antibiotico prodotto da un batterio originario dell’Isola di Pasqua che potrebbe agire su questo processo per contrastare le disfunzioni cellulari alla base della malattia.

 “Questo farmaco è già noto per i suoi effetti positivi sulla longevità cellulare e immunosoppressori, e utilizzato in clinica per terapie antirigetto in trapianti d’organo. Inoltre, è in fase di sperimentazione clinica per il trattamento di complesse anomalie vascolari nei bambini. Ora apre la strada a possibili approcci terapeutici per il trattamento delle malformazioni cavernose cerebrali nell’uomo che potrebbero essere disponibili in tempi rapidi e a basso costo”, ha dichiarato Saverio Marchi, ricercatore del Dipartimento di morfologia,chirurgia e medicina sperimentale dell’Università di Ferrara nonchè primo autore dello studio.  “Ora apre la strada a possibili approcci terapeutici per il trattamento delle malformazioni cavernose cerebrali nell’uomo che potrebbero essere disponibili in tempi rapidi e a basso costo“, ha aggiunto Saverio Marchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.