Manovra, taglio Irpef delle Regioni: ipotesi di riduzione per l’addizionale allo studio

0

‘Stiamo studiando una formula che consenta a tutte le regioni di abbassare le tasse, in particolare l’addizionale Irpef’. Questo è quanto, tra l’altro, ha dichiarato il relatore del Partito Democratico alla Legge di Stabilità, Fabio Melilli, per quella che è una proposta che ora sarà esaminata dal Tesoro, e che peraltro si basa su un’idea che è abbastanza semplice.

In pratica per liberare risorse per il taglio dell’addizionale Irpef basterebbe spalmare su più anni i mutui che attualmente le Regioni italiane stanno pagando allo Stato, che ha concesso i prestiti, al fine di ripagare i debiti della Pubblica amministrazione e/o quelli per rientrare dal deficit sanitario. In questo modo, tra l’altro, l’addizionale Irpef sarebbe più leggera per i cittadini dopo che questa in molte regioni italiane ha raggiunto il livello massimo consentito.

Del resto, in accordo con quanto è stato riportato da IlMessaggero.it, già il Presidente del Consiglio Matteo Renzi avrebbe voluto inserire nella Legge di Stabilità 2016 una norma finalizzata a congelare ogni decisione di aumento delle tasse regionali, nel 2016, da parte dei governatori.

E se il taglio dell’Irpef delle Regioni è un’ipotesi allo studio, e sulla carta fattibile, un altro taglio rispetto al previsto non è stato effettuato. Il Governo italiano, infatti, ha deciso per il momento di rinviare la chiusura di 23 prefetture così come previsto dalla riforma della Pubblica amministrazione. Trattasi di una scelta legata all’emergenza sicurezza ed al rischio terrorismo dopo le stragi di Parigi e ed il massacro al centro disabili di San Bernardino.

Rispondi o Commenta