Massacro al Bataclan di Parigi, donna incinta sospesa nel vuoto ritrova su Twitter il suo salvatore

Per sfuggire al massacro al Bataclan di Parigi una donna si è appesa al cornicione di una delle finestre del teatro. E’ stata una scelta che probabilmente è stata decisiva per sfuggire alla follia dei terroristi anche perché poi un uomo, dopo aver sentito chiedere aiuto, l’ha tirata su salvando lei ed il bambino che porta in grembo.

Sì, perché la ragazza è incinta ed ora ha ritrovato, grazie a Twitter il suo salvatore per una storia a lieto fine inserita all’interno di una tragica notte per Parigi. La donna incinta attraverso il social network ha infatti pubblicato un annuncio riuscendo a scoprire l’identità dell’uomo che l’ha salvata. Pure il suo salvatore sta bene in accordo con quanto peraltro raccontato da un amico della ragazza all’edizione francese dell’Huffington Post.

Davanti a me c’erano due finestre. Appesa a una di loro c’era una donna incinta che implorava di essere presa. Sotto c’era il caos più totale‘, ha dichiarato l’uomo che ha salvato la donna incinta preferendo mantenere l’anonimato nel rilasciare un’intervista al giornale ‘La Provence’. ‘Sono passato dall’altra finestra – ha aggiunto – e mi sono attaccato a una bocca di aerazione a 15 metri d’altezza. Ho tenuto per cinque minuti la donna incinta. Non ne poteva più e mi ha chiesto di poter rientrare nell’edificio. L’ho fatto e poi non so dove è andata‘.

Frans Torreele, l’amico della donna incinta intervistato dall’edizione francese dell’Huffington Post, ha messo in evidenza come l’uomo l’abbia salvata ‘con una serie di piccoli gesti, piccole attenzioni, in un momento di follia generale. Con gesti minuscoli hanno portato a una grande cosa‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.