Michele Santoro annuncia la fine della sua avventura con “Servizio Pubblico”

0

L’avventura a “Servizio Pubblico”, di Michele Santoro si chiuderà presto, ovvero il 18 giugno con una puntata in diretta da una Piazza di Firenze.L’annuncio è stato dato dallo stesso Michele Santoro nel corso di una conferenza stampa avvenuta nella sede della Stampa estera a Roma, dove tra l’altro è intervenuto per accompagnare Giulia Innocenzi per la presentazione della nuova stagione di Announo, che andrà in onda a partire da giovedì 21 maggio con un nuovo ciclo.

“Sono onorato di aver lavorato per La7 ma nel futuro sento il bisogno di percorrere strade nuove, e non si possono percorrere con questo tipo di contenitore, bisogna avere il coraggio di dire: ‘mi dissocio’ e poi se La7 vorrà interessarsi a quello che faccio io, va bene. Altrimenti preferisco non ripetere uno stilema che so che più di tanto non farebbe”, ha dichiarato Santoro.

“Abbiamo fatto più di cento puntate, dobbiamo aver il tempo per pensare a cosa faremo”. Poi rivolgendosi a quelli che sono i suoi progetti che vorrebbe portare avanti nei prossimi mesi e soprattutto sul piccolo schermo, lo stesso conduttore ha aggiunto:“Mi auguro che possano interessare, possano piacere a Rai, Sky, Cairo.Nei miei cassetti c’è tutto, ci sono tantissime idee. Noi facciamo cose straordinarie, agli altri lasciamo le cose ordinarie.Non farò più, o almeno per un periodo importante, decine e decine di puntate di uno stesso programma. È giusto che ci schiodiamo ed andiamo a fare altro”. 

“Si sono dette tante stupidaggini: affermare che in Italia c’è la crisi del talk, è un falso teorico. C’è la crisi del sistema televisivo italiano, da cui da tempo l’innovazione è scomparsa.In Italia si spende di meno per produrre programmi. Questa è l’origine del fatto che noi stiamo diventando sempre più periferia”, ha aggiunto Santoro. 

Rispondi o Commenta