Migranti, maxi operazione di salvataggio nel Canale di Sicilia

0

Il flusso di migranti in arrivo sulle coste italiane purtroppo non si accenna a diminuire anzi in questi giorni il fenomeno si è intensificato ancora di più, con 22 barconi alla deriva solo nella giornata di sabato. Intervenuta la Marina Militare Italiana che ha salvato i migranti da un naufragio che da li a breve si sarebbe verificato. Si tratta di tremila persone circa, soccorsi nella maxi operazione di salvataggio condotta dalla marina militare, dalla guardia costiera e dalla guardia di finanza, in collaborazione con una nave norvegese impiegata nell’operazione Triton.

Soltanto nella giornata di ieri, la guardia costiera italiana e la marina militare hanno ricevuto soltanto 23 richieste di soccorso arrivate da ben 16 gommoni e 7 barconi che si trovavano al largo delle coste libiche. Come già anticipato in soccorso dei migranti è arrivata una nave norvegese che ha salvato circa mille migranti, mentre la Marina Militare ha portato in salvo ben 939 persone. Intervenute anche la Nave Vega e la Nave Cigala Fulgosi, in pattugliamento nel Mediterraneo, riuscendo a soccorrere i profughi i quali viaggiavano a bordo di due gommoni sovraffollati e senza alcun sistema di sicurezza.

Altri 370 migranti sono stati trasportati grazie ad un mezzo della guardia di finanza verso il porto di Messina; 111 sono stati salvati da un gommone e recuperati dalla motovedetta Cp324 delle Capitanerie di Lampedusa, 322 migranti sono stati stipati sulla nave Siem Pilot, la nave norvegese che opera nell’ambito del piano Triton, mentre sono 507 i migranti che si trovano a bordo della nave Cigala Fulgosi della Marina Militare.

Rispondi o Commenta