Milano, giovane in gita scolastica precipita giù dal 5° piano dell’hotel

Gita all’expo finita in tragedia per un dicianovenne, che  è stato  ritrovato ieri mattina intorno alle  9 nel cortile dell’hotel Leonardo Da Vinci di Bruzzano, periferia Nord Ovest della città, il ragazzo era a terra esanime in slip e maglietta; Domenico Maurantonio di Padova, alloggiava con la sua classe in quell’Hotel per una gita all’Expo. I compagni, non vedendolo per la colazione, avevano bussato inutilmente alla sua camera. Dai primi accertamenti pare che il giovane sia caduto da un mezzanino del quinto piano dell’hotel Da Vinci, anche se al momento non risulterebbe chiara la dinamica di quanto è accaduto.
Nella vicenda però sembrano esserci vari punti da chiarire e se l’ipotesi per ora più probabile sia quella di un incidente o di un malore, la polizia sta indagando per averne certezza; Su un braccio del giovane sono stati trovati alcuni lividi non compatibili con una caduta, ma più riconducibili a un contatto, che potrebbe essere stato causato dalla stretta di una mano; ma il legame tra i lividi e la caduta per ora sono solo congetture.

Non sarebbe ancora chiaro se Domenico si sia buttato o se sia caduto accidentalmente, al vaglio  come già detto alcuni aspetti poco chiari nella vicenda; di fatto il ragazzo era una persona a posto: . non era in cura per problemi psicologici e non ha lasciato biglietti o messaggi d’addio, non è stata trovata nememno droga e secondo i suoi amici non ne faceva uso. Sul posto della disgrazia proseguono le indagini e continueranno fino agli esiti dell’autopsia disposta dal magistrato. Sotto choc i compagni.

Bruttissimo incidente avvenuto a Milano nel quale un ragazzo di 19 anni ha praticamente perso la vita durante una gita scolastica. La vittima si chiama Domenico Maurantonio, 19 anni di Padova, e si trovava a Milano in occasione di Expo 2015, insieme alla sua classe per una gita scolastica.

La classe, del liceo Ippolito Nivo, uno dei più noti della città veneta, e dunque anche lo stesso Domenico alloggiavano presso un Hotel, ovvero il Da Vinci; il giovane sarebbe precipitato dal 5° piano della struttura. Sono stati i compagni a lanciare l’allarme, non avendolo visto scendere per fare colazione e così preoccupati per il ritardo hanno cominciato a cercarlo nella stanza, rimanendo praticamente scioccati quando è stata comunicata loro la notizia di quanto accaduto. Non è esclusa alcuna pista, ovvero potrebbe essere che Domenico si sia buttato volutamente, o che sia caduto accidentalmente; purtroppo al momento sussistono degli aspetti poco chiari della vicenda.

Non avrebbe lasciato alcun biglietto o messaggi d’addio, e questo fa presupporre che il giovane non si è suicidato; non sono state ritrovate sostanze stupefacenti così come è risaputo che il giovane non soffrisse di alcuna patologia psicologica. La polizia ha già avviato alcune indagini, sopratutto dopo aver riscontrato alcune incongruenze dai primi accertamenti; nel momento in cui il cadavere è stato girato il medico legale ha riscontrato dei lividi su un braccio che non sarebbero compatibili con la caduta ma sarebbero stati provocati più che altro da una stretta di mano. “Sono senza parole.Era un ragazzo molto bravo, non dico il più bravo ma di certo uno dei migliori, figlio di una famiglia tranquilla, normale che si interessava costantemente all’andamento del figlio. Escluderei alcol o droghe dalle ipotesi. Mi sentirei veramente di metterci la mano su fuoco, era un bravo ragazzo. Molto tranquillo, affidabile e maturo per la sua età”, ha dichiarato la Preside della Scuola ovvero Maria Grazia Rubini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.