Milano, ragazzina disabile insultata e aggredita da coetanei

Mi sembra una storia assurda. Vengo sempre col mio bambino e non mi è mai successo niente. Qui abbiamo tanti problemi, a partire dallo spaccio, ma non ho mai sentito di qualcuno che se la prende con i disabili. Anzi in un quartiere popolare come questo chi si permette di aggredire un portatore di handicap, sopratutto se un ragazzino, diventa a sua volta discriminato e rischia anche qualche schiaffo”. Sono state queste le parole espresse da una coppia di marito e moglie che vivono nella strada accanto al parco, nel quartiere Giambellino, dove nel tardo pomeriggio dello scorso 24 maggio 2015, intorno alle ore 19.50, un gruppo di ragazzini di tredici anni si è scagliato contro una ragazzina disabile, anch’essa tredicenne.

Ecco nello specifico quanto accaduto. La ragazzina, che presenta un ritardo psichico, si trovava in un giardino pubblico del quartiere Giambellino nella bellissima città di Milano, quando all’improvviso un gruppetto di coetanei le si sono avvicinati iniziando prima a prenderla in giro e poi i ragazzini hanno iniziato a tirarle dei sassi. E’ stato proprio in questo frangente che la ragazzina disabile ha preso il cellulare e in lacrime, sia per il dolore che per l’umiliazione subita, ha chiamato la madre che non si trovava molto distante dal posto in cui si trovava la figlia ed è così giunta subito sul posto avvertendo, nello stesso tempo la Polizia.

All’arrivo della donna gli aggressori, non ancora identificati, sono subito fuggiti. La ragazzina per fortuna non ha riportato delle lesioni gravi e le sono stati riconosciuti 4 giorni di prognosi dall’ospedale San Paolo dove è stata accompagnata dopo l’aggressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.