Milano, svolta nel caso Ambrosoni : l’agente arrestato per omicidio ha confessato ‘ Sono stato io’

Si è finalmente arrivati ad una importante svolta nel caso dell’omicidio di Gianfranco Ambrosoni, il litografo di 53 anni ucciso lo scorso 30 ottobre a Bussero, comune della città metropolitana di Milano, in Lombardia. Poche ore dopo l’omicidio, ad essere arrestato con l’accusa di omicidio, era stato l’agente della Polizia locale di Segrate, comune della città di Milano ovvero Salvatore Empoli.

L’uomo però dal giorno del suo arresto avvenuto lo scorso 31 ottobre, ha sempre respinto ogni accusa professandosi dunque innocente ed inoltre, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, aveva anche preso la decisione di non rispondere alle domande rivoltegli dal gip. A distanza di quasi un mese dal terribile fatto in cui perse la vita il litografo 53enne Gianfranco Ambrosoni, ecco che finalmente sembra essere arrivata la verità. Salvatore Empoli, l’agente arrestato con l’accusa di omicidio, ha finalmente confessato di essere stato lui ad uccidere l’uomo svelando anche importanti particolari sull’omicidio.

Interrogato in carcere da Maurizio Ascione, pm di Milano, Salvatore Empoli ha affermato “Sì, ho sparato io. Gli ho scaricato addosso tutto il caricatore della pistola ed ho continuato a premere il grilletto anche quando i colpi in canna erano finitiSì, ho sparato io. Gli ho scaricato addosso tutto il caricatore della pistola ed ho continuato a premere il grilletto anche quando i colpi in canna erano finiti”, ammettendo così, finalmente, le sue responsabilità.L’accusato ha raccontato al pm di aver sparato per vendetta, una vendetta riguardo l’aggressione subita proprio quella sera da un gruppo di persone cui faceva parte proprio la vittima.

Empoli aveva comunque problemi di alcolismo e la sera in cui è avvenuta la tragedia l’uomo è apparso alterato, motivo per il quale sono stati richiesti gli esami tossicologici che stabiliranno se l’agente, che ha deciso di confessare di aver ucciso Salvatore Empoli, lo ha fatto sotto effetto di alcol o di sostanze stupefacenti oppure no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.