Morto lo scienziato Paolo Bianco: Beatrice Lorenzin, ‘Grande perdita per la scienza in tutto il mondo’

Il mondo della scienza, ed in particolare quello della medicina, è in lutto in Italia a seguito della morte di Paolo Bianco. Il professore, riconosciuto come uno dei più grandi esperti in Italia per quel che riguarda le cellule staminali, si è spento all’età di 60 anni. Il professor Paolo Bianco era tra l’altro diventato famoso per i suoi interventi pubblici contro il cosiddetto ‘metodo Stamina‘, una presunta cura ideata da Davide Vannoni.

“La scomparsa del professore Paolo Bianco rappresenta una grande perdita per la medicina. Lascia un patrimonio di esperienza e conoscenza di cui gli saremo sempre grati. Oggi prevale il dolore per la perdita umana, e desidero esprimere il mio cordoglio e quello di tutta la sanità pubblica, alla sua famiglia. Ricorderemo la sua abnegazione nel ricondurre ogni dibattito all’interno della scienza, la sua disponibilità al confronto, la sua umanità verso i pazienti. Lo ricordo con una delle sue frasi, pronunciata qualche mese fa, in occasione della presentazione dell’ennesimo grande risultato ottenuto con la ricerca sulle staminali e la ricostruzione attraverso esse della retina umana. Disse che ‘la scienza procede lentamente ma con la sicurezza di risultati tangibili e a volte spettacolari’”, ha tra l’altro dichiarato Beatrice Lorenzin, il ministro della Salute nell’esprimere il cordoglio per la morte dello scienziato che è stato direttore del Laboratorio Staminali del dipartimento di Medicina molecolare alla Sapienza di Roma.

Il professore, contro il ‘metodo Stamina‘, intervenne pure in televisione, nella trasmissione ‘Le Iene’, per ribadire sulla presunta cura ideata da Davide Vannoni l’assenza di validità medico-scientifica. Il suo intervento a ‘Le Iene‘ generò tante critiche, e addirittura pure delle minacce quando ancora sul ‘metodo stamina’ non era scoppiata la bufera a livello giudiziario.

‘La scienza procede lentamente ma con la sicurezza di risultati tangibili e spettacolari’. Questo, in accordo con quanto riportato dal Corriere.it, era il motto del Professore Paolo Bianco. ‘Oggi ci ha lasciato una delle migliori menti della scienza italiana in campo biomedico. Scienziato e medico integerrimo e rigoroso, straordinaria persona che conosciamo da anni, rimarrà un esempio di personalità dalla grande cultura umanistica e affascinato cultore della scienza‘. Queste le parole dei suoi colleghi di battaglia, Michele De Luca dell’università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Gilberto Corbellini de La Sapienza Roma, ed Elena Cattaneo dell’università degli Studi di Milano nonché senatrice a vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.