Musei sempre aperti con il Decreto Colosseo: vietato scioperare è legge, addio proteste selvagge

Il Parlamento ha approvato, e quindi convertito in Legge, un Decreto riguardante la fruizione in Italia del patrimonio storico e artistico. Il Decreto è stato messo a punto dopo che nelle scorse settimane il Colosseo ed altri siti archeologici sono rimasti temporaneamente chiusi nella Capitale per un’assemblea sindacale.

Ora invece con l’entrata in vigore del Decreto, definito non a caso Dl Colosseo, per legge non si potrà scioperare in quanto ufficialmente i luoghi della cultura ed i musei in Italia diventano in tutto e per tutto dei servizi essenziali. Il via libera definitiva alla conversione in Legge del Decreto è arrivato dall’Aula di Palazzo Madama con 138 voti favorevoli, 14 astenuti e 67 voti contrari.

Il divieto di sciopero, è giusto precisarlo, riguarda quello cosiddetto selvaggio in quanto, come peraltro dichiarato da Dario Franceschini, il ministro dei Beni culturali e del Turismo, il provvedimento ‘in nessun modo toglie i diritti dei lavoratori che continueranno a fare assemblee e scioperi regolati come negli altri settori che sono già servizi essenziali‘. Questo significa che i luoghi culturali ed i musei in materia di scioperi da ora dovranno sottostare alla stessa regolamentazione i vigore per la sanità, la scuola ed il sistema dei trasporti.

‘I risultati già si vedono’, ha aggiunto il ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini, ‘perché ieri è stata fatta un’assemblea al Colosseo ma con una anticipazione di questa trattativa nel rapporto con i sindacati si è svolta e sono rimasti aperti i musei. Mi pare che sia la risposta migliore’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.