Napoli,spara dentro e fuori casa dal balcone:4 morti e 6 feriti

0

Terrore ieri a Napoli, dove nel pomeriggio un infermiere di 48 anni,ha improvvisamente preso in mano un fucile aprendo il fuoco contro il fratello e la cognata e poi non contento si è chiuso dentro la sua abitazione cominciando a sparare a caso dal proprio balcone. Il bilancio del “colpo di testa” dell’uomo è di 4 morti e sei feriti; la tragedia sarebbe avvenuta come già anticipato in via Napoli Capodimonte nel quartiere di Secondigliano.

Morte dunque 4 persone, tra le quali la cognata, Concetta Uliano di 51 anni ed il fratello del “killer” Luigi di 52 anni, morto anche il capitano della polizia municipale di Napoli ovvero Francesco Bruner di 60 anni, vicino di casa ed infine morto anche Luigi Cantone un fioraio di 56 anni che si trovava a passare per caso sotto casa del killer, in sella al suo scooter.

Rimasti feriti invece due poliziotti, Cristoforo Cozzolino ed Umberto De Falco, i quali hanno dovuto subire un intervento chirurgico d’urgenza, ed ancora due carabinieri Luigi Christian Infante e Vincenzo Cinque di 63 anni che purtroppo sembra essere quello più in pericolo di vita rispetto agli altri. Feriti anche due passanti che si trovavano per caso a passare di li, ovvero


Salvatore Michele Varriale e Luigi Capasso.
Il killer è stato braccato dalla polizia e soltanto dopo un’ora di trattative si è arreso e così è stato arrestato ed accusato di omicidio e sei tentati omicidi. “Mi sono barricato nel negozio”, ha raccontato Giovanni il quale si trovava all’interno della spaghetteria che si trova davanti casa del killer. Indetto lutto cittadino a partire da oggi fino al giorno dei funerali delle vittime ed annullata la cerimonia di inaugurazione della stazione metropolitana.

Rispondi o Commenta