Obama, discorso alla nazione: ‘Il terrorismo c’è ma alla fine vinceremo noi’, parla dalla stanza ovale

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama nella serata di ieri in America, quando in Italia erano già le ore 2 del giorno dopo, ha parlato alla nazione con un discorso dalla stanza ovale. Nel suo discorso sono stati ribaditi alcuni punti fermi, tra cui quello che ‘il terrorismo c’è ma alla fine vinceremo noi‘.

E per questo il Presidente Usa in Tv ha lanciato l’atto di guerra, la sfida finale all‘Isis facendo presente che ‘lo distruggeremo assieme alla comunità internazionale ed alla Russia’. ‘Come Commander in chief, la mia più grande responsabilità è proteggere il popolo americano‘, ha ricordato Barack Obama precisando che contro il terrorismo ‘il successo non dipenderà dall’abbandonare i nostri valori. Prevarremo se saremo forti e intelligenti‘.

Durante il suo discorso, che è durato poco meno di un quarto d’ora, il Presidente ha inoltre esortato il congresso ad ‘agire per fare in modo che chi è sulla no-fly list non possa acquistare armi’. ‘Siamo dalla parte giusta della storia. Ricordiamoci che la libertà è più forte della paura‘, ha ricordato Obama ai cittadini americani ancora sotto choc per quanto accaduto al centro disabili di San Bernardino.

In merito, all’inizio del suo discorso, il Presidente degli Stati Uniti, nel fornire ulteriori spiegazioni ed aggiornamenti sulla strage, con 14 morti e 21 feriti, ha dichiarato che ‘è stato un atto di terrorismo, progettato per uccidere persone innocenti, ma finora non abbiamo prove che i killer siano stati diretti da gruppi terroristici all’estero anche se avevano iniziato un percorso di radicalismo‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.