Orietta Berti, canto da 50 anni ed ho solo una pensione di soli 900 euro

Montecchio Emilia, maggio Prima voleva fare la maestra d’asilo. Poi la hostess, ma il suo primo volo l’ha spaventata e ha cambiato idea. E ha fatto bene, Orietta Berti, perché spronata dal papà – un appassionato di lirica che la portava ai concorsi per voci nuove – si è data al canto. Ed è diventata un’artista famosa nel mondo grazie a successi come Fin che la barca va e Tu sei quello. La capinera dell’Emilia (questo uno dei suoi soprannomi) celebra oggi mezzo secolo di carriera e quasi venti milioni di dischi venduti. «Festeggio con cento brani raccolti in quattro cd. Sto registrando proprio in questi giorni. Poi farò un video e ho già cominciato la tournée», racconta a Nuovo la cantante, che nel 2015 brinda anche ai suoi 50 anni d’amore – e 48 di matrimonio – con l’inseparabile Osvaldo Paterlini, il papà dei suoi due figli, Omar e Otis.

«Sono un po’ in ritardo sulla tabella di marcia perché sono stata ferma due mesi. A gennaio, mentre pulivo il corridoio con straccio e spazzolone, ho fatto uno scivolone tremendo: credevo di essermi spaccata la testa e invece mi sono rotta una caviglia», spiega.

Ma l’incidente domestico non le ha impedito di volare negli Stati Uniti per una serie di concerti. Tempra d’acciaio, la Berti continua a macinare chilometri a grande richiesta dei fan, ai quali concede ancora almeno una trentina di concerti ogni anno. Per ora non ha nessuna intenzione di smettere di lavorare e forse…

One comment

  1. baruffaldiantonio@gmail.com

    E in 50 anni quanti contributi hai versato?…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.