Orrore nel Napoletano: Uccide il fratello e poi scioglie il corpo nella soda,fermato 52enne

0

A Piano di Sorrento, Comune che si trova in provincia di Napoli, un 52-enne è accusato d’aver ucciso il fratello di 54 anni a conclusione di una furibonda lite che si è trasformata in tragedia. Trattasi, in accordo con quanto riportato da LaStampa.it, di Salvatore Amuro accusato di aver ucciso il fratello Francesco di cui si erano perse le tracce lo scorso 7 dicembre.

In base alle ricostruzioni che sono state effettuate da Carabinieri, Salvatore Amuro avrebbe prima ucciso il fratello a colpi di vanga, poi ha caricato il corpo su una carriola, ed infine lo ha gettato in un fosso con il fine di scioglierlo probabilmente andando ad utilizzare la soda caustica. Un tragico epilogo è stato quindi che, tra l’altro, si è consumato proprio nei pressi della sua abitazione.

Nei giorni scorsi, non avendo più notizie di Francesco, alcuni parenti ne hanno denunciato la scomparsa, mentre alcuni testimoni si sono recati direttamente dai carabinieri dopo aver assistito alla lunga lite e come la conseguente sparizione di Francesco Amuro destasse di conseguenza più di un sospetto. 

A descrivere ed a raccontare l’omicidio nei minimi dettagli è stato proprio Salvatore Amuro, interrogato dai carabinieri, spiegando in particolare d’aver compiuto il folle gesto in quanto Francesco continuamente lo accusava ripetutamente di essere un ‘nullafacente‘.

Prima di essere ascoltato dai carabinieri, l’uomo sul luogo del delitto è stato interrogato pure dal pm della Procura di Torre del Greco che è accorso insieme agli uomini della Sezione investigazioni scientifiche del Comando Provinciale di Napoli.

Rispondi o Commenta