Pentagono, ‘Le donne soldato combatteranno in prima linea’: cade ultimo tabù forze armate Usa

0

Per le forze armate Usa è caduto l’ultimo tabù rappresentato dalle missioni di combattimento al fronte, alle quali dal 2016 potranno partecipare pure le donne soldato schierandosi in prima linea. La decisione in merito arriva da parte di Ash Carter, il capo della Difesa, dopo tre anni di dibattiti a partire dalle dichiarazioni dell’ex segretario alla Difesa Leon Panetta che nel mese di gennaio del 2013 aveva sottolineato come fosse ‘giunta l’ora che le donne vadano in missione‘.

Le forze armate Usa entro il prossimo 1 gennaio del 2016 saranno chiamate a presentare quelli che saranno a livello operativo i loro piani potendo ora decidere se optare o meno per il reclutamento di donne addestrate o da addestrate per il combattimento in prima linea con gli uomini.

Non tutti però sono d’accordo con la scelta storica annunciata da Ash Carter in quanto le squadre miste, uomini e donne in prima linea, non sono così efficienti come quelle composte di soli uomini.

Su questa posizione, in particolare, si è espresso il generale Joseph Dunford che è l’attuale Capo dello Stato Maggiore congiunto delle forze armate statunitensi, ma che è anche stato un ex comandante dei marine. Ash Carter, quindi, non ha tenuto conto delle considerazioni e delle raccomandazioni di Joseph Dunford con la conseguenza che le donne soldato con ruoli di missione potranno arruolarsi in corpi speciali come quelli rappresentati dai Delta Force e dai Navy Seal. In questo modo gli Usa per le forze armate dal prossimo anno avranno la possibilità di cercare, di arruolare e di addestrare personale qualificato sull’intera popolazione e non cercando più solo aspiranti soldati di sesso maschile.

Rispondi o Commenta