Pollutri, 29enne accoltella il datore di lavoro e fugge: arrestato nel centro di Vasto

Una discussione tra dipendente e datore di lavoro poteva trasformarsi in tragedia, ma per fortuna la situazione non sembra essere grave. Ma vediamo nello specifico quanto accaduto. Un giovane di nazionalità indiana di appena ventinove anni lo scorso giovedì sera si trovava all’interno dell’abitazione del proprio datore di lavoro, un uomo di 37 anni, quando tra i due sarebbe nata un’accesa discussione dovuta, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, ad alcuni problemi legati proprio al rapporto di lavoro.

La discussione tra dipendente e datore di lavoro si sarebbe fatta talmente accesa da trasformarsi in un vero e proprio litigio nel corso del quale, ad un certo punto, il giovane ventinovenne di nazionalità indiana ha sferrato due fendenti proprio alla gamba del datore di lavoro trentasettenne e, dopo aver compiuto tale terribile gesto, sarebbe fuggito facendo perdere le sue tracce ma solo momentaneamente.

Il fatto è accaduto a Pollutri, comune italiano della provincia di Chieti, in Abruzzo, e nonostante l’aggressore abbia tentato di far perdere le sue tracce ecco che i militari lo hanno rintracciato poche ore dopo nel centro abitato di Vasto, un altro comune della provincia di Chieti, in Abruzzo, dove l’uomo risiede con regolare permesso di soggiorno.

Il ventinovenne indiano è stato denunciato, a piede libero, con l’accusa di lesioni dolose aggravate mentre invece il datore di lavoro, ferito alla gamba, subito dopo l’aggressione è stato subito soccorso e trasferito presso l’ospedale di Vasto dove i medici hanno diagnosticato le ferite riportate guaribili in soli 20 giorni. Poteva finire in tragedia, ma per fortuna per il giovane datore di lavoro è stato solo un brutto spavento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.