Renzi alla Welt, Italia su giusta via

“Ora l’Italia è tornata sulla strada giusta“. Gli italiani, non io, ne avevano abbastanza. Volevano un cambio di passo. Ho preso preso l’incarico con l’intenzione di non finire come la Grecia ma con quello di fare meglio della Germania.

Poi su Facebook il premier torna sul ruolo internazionale dell’Italia congratulandosi per la nomina di Filippo Grandi a capo dell’Alto commissariato ONU per i rifugiati.”Un riconoscimento innanzitutto alle sue capacità e competenze” scrive Renzi “una scelta molto saggia di Ban Ki-moon perché sceglie un professionista molto apprezzato e conosciuto”. “Stimo molto Angela – ha aggiunto il premier – e il rapporto con lei è buono”.

Che Angela Merkel non piaccia a Matteo Renzi e che il Premier italiano non sia granché simpatico alla Cancelliera tedesca non è un mistero e per Renzi questo sotto certi aspetti è pure un punto d’onore. Per il presidente del Consiglio italiano le nazioni dell’est devono molto all’Europa perché in alcuni Paesi occidentali “partiti e politici hanno perso voti e posti per difendere l’idea europea”.

Sul fronte interno, oltre a rivendicare i dati della ripresa economica, il premier non ha lesinato una stoccata alla nuova formazione parlamentare, Sinistra italiana. E sottolinea: essere di sinistra “significa lottare contro il precariato”, ridotto in 20 anni “solo” da Jobs Act e Buona Scuola.

Sempre nella e-news Renzi ha pubblicato la lettera inviata ai professori neo-assunti.

Per quanto riguarda l’emergenza legata al fenomeno dell’immigrazione, invece, il presidente del Consiglio ha spiegato che non si possono costruire altri muri. Non sono una protezione, sono una trappola. E ancora: “Lei finalmente è “entrato di ruolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.