Ribelli musulmani attaccano un villaggio cristiano nelle Filippine, si contano oltre 14 morti

0

Un gruppo di ribelli musulmani nella giornata di ieri hanno attaccato un villaggio cristiano nel sud delle Filippine, un centro agricolo sito in provincia di Sultan Kudarat nell’Isola meridionale di Mindanao.La notizia è stata diffusa nella giornata di ieri da un portavoce miliare, il capitano Joan Petinglay il quale ha anche sottolineato che le vittime sono circa 9, tutti abitanti di un villaggio cristiano

.In totale le vittime dell’attacco condotto da ribelli musulmani contro comunità cristiane nelle Filippine sono circa 14, attacco avvenuto fra la Vigilia di Natale ed il 25 dicembre. I cristiani sono stati colpiti da un’arma da fuoco dai ribelli del Bangsamoro Islamic Freedom Fighter, una formazione scissionista nata nel 2011 e mentre sembra che almeno 5 insorti sono rimasti uccisi dalle forze governative nelle province di Sultan Kudarat Maguindanao e Nord Cotabato.Da quanto è emerso, i terroristi avrebbero preso anche degli ostaggi civili utilizzati in un primo momento come scudi umani, ma poi li hanno liberati.

Non solo uno, ma due attacchi, il secondo verificatosi nella vicina provincia di Nord Cotabato e stando a quanto dichiarato da un portavoce militare di Manila, 5 insorti sarebbero rimasti uccisi dalle forze governative nelle province di Sultan Kudarat, Maguindanao e Nord Cotabato.

Sarebbero rimasti uccisi anche cinque contadini i quali avrebbero ignorato gli avvertimenti dei militari e nel giorno di Natale si erano recati sui campi per lavorare. La polizia era già in allerta da parecchi giorni perchè a conoscenza della possibilità di attentati da parte dei ribelli islamici nel giorno di Natale.

Rispondi o Commenta