Rocco Siffredi lancia la petizione #CiPensaRocco per inserire l’educazione sessuale nelle scuole

Rocco Siffredi ne ha fatto una delle sue lasciando davvero tutti senza parole. Nei giorni scorsi, l’ex naufrago Rocco Siffredi ha lanciato una petizione indirizzata al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, con l’obiettivo di chiedere che nelle scuole venga introdotta una nuova materia, ovvero l’educazione sessuale. «Educazione sessuale nelle scuole! Ci metto la faccia e l’esperienza», è questo il titolo della lettera scritta da Rocco Siffredi ed indirizzata al Ministro Giannini.

Come anticipato quello che Rocco Siffredi chiede attraverso la petizione è che l’educazione sessuale venga introdotta nelle scuole come una materia scolastica obbligatoria come lo è già in tutti i paesi dell’Unione tranne che in Italia, Bulgaria, Lituania, Cipro, Polonia, Romania e Regno Unito.

” In Italia contiamo decenni di proposte sull’educazione sessuale e nessuna legge. Non esiste una legge, dunque, nonostante ci sia richiesta di formazione”, ha dichiarato l’ex naufrago deciso a portare avanti la sua battaglia. “La pornografia dovrebbe essere intrattenimento, ma in mancanza di alternative è diventata uno strumento di apprendimento, soprattutto tra i giovani. Secondo voi è normale? Il sesso è in Italia ancora tabù. Tanti giovani avrebbero voglia di soddisfare le proprie curiosità ma non sanno a chi rivolgersi”, ha continuato Rocco. Nel nostro paese il sesso è ancora un tabù e Rocco Siffredi si oppone a questo offrendo addirittura disponibile a vestire i panni dell’insegnante per poter mettere a disposizione degli studenti la sua esperienza.

Rocco Siffredi, dichiara che sempre più spesso i giovani non sanno a chi porre domande considerate sconvenienti finendo per reprimere le proprie curiosità. «Il dialogo, l’ascolto, l’apertura mentale sui temi del sesso sono in Italia ancora lontani. Il sesso è in Italia ancora tabù, mentre in molti avrebbero bisogno di parlarne, aprirsi, essere ascoltati e ricevere risposte. Tanti giovani avrebbero voglia di soddisfare le proprie curiosità ma non sanno a chi rivolgersi», ha concluso Rocco Siffredi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.