Roma: 30enne in fin di vita per un cane, arrestato un pugile di 22 anni

0

Ancora un caso di violenza a Roma, per di più per motivi piuttosto futili, almeno da quanto emerso dalle prime ricostruzioni. Un giovane di 22 anni, molto probabilmente un pugile professionista è stato arrestato dopo aver tentato di uccidere un trentenne colpendolo e ferendolo gravemente alla testa.

La lite tra i due, scoppiata lo scorso 24 giugno, come anticipato a Roma,sembrerebbe essere scoppiata per via di un cane, ovvero un pitbull avrebbe abbaiato contro il cane di un amico, e così il 22enne si è presentato dal padrone del cane affrontandolo.

Tra i due sarebbe nata una discussione piuttosto accesa, almeno secondo quanto riferito da alcuni testimoni presenti alla scena, quando ad un certo punto il 30enne avrebbe preso per il collo il 22enne che a quel punto ha reagito in modo piuttosto violento colpendolo con dei pugni molto forti sul volti, facendogli perdere i sensi. Una volta caduto per terra l’avversario, il 22enne impaurito e sotto gli occhi dei testimoni è fuggito senza dare l’allarme ed infatti i soccorsi sarebbero stati chiamati dai testimoni che avevano appunto assistito alla lite.

Il giovane, privo di sensi per terra, è stato trasferito in ospedale d’urgenza e nella notte ha subito un intervento chirurgico per limitare i danni provocati dalla rissa. Avviate le indagini e sentiti tutti i testimoni presenti alla lite, gli agenti del commissariato diretto da Filiberto Mastrapasqua, sono arrivati ad identificare il giovane, un pugile di 22 anni di Roma, il quale è stato fermato ed arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

Rispondi o Commenta