Roma, Inneggiano ad Allah e aggrediscono due militari

0

Inneggiando al Allah si sono scagliati contro i militari di guardia alla Basilica di Santa Maria Maggiore e poi hanno cercato di disarmarli. I due hanno anche tentato di impossessarsi dei mitra in dotazione. I due gridavano frasi inneggianti adAllah e, insultando i soldati, hanno tentato di ribargli le armi. Il tunisino e il palestinese hanno inveito anche contro poliziotti, sia con minacce verbali che fisiche. Una volta portati negli uffici delCommissariato Viminale, i senzatetto stranieri hanno continuato a proferire frasi scurrili contro gli stati europei e la Polizia.

Al termine degli accertamenti per entrambi è scattato l’arresto per il reato di resistenza e minacce a pubblico ufficiale, e per istigazione a delinquere con finalità di terrorismo el’espulsione dallo Stato italiano.

Nel tentativo di sottrarsi all’arresto, avevano cercato di coinvolgere e far intervenire in loro aiuto altri stranieri presenti nelle vicinanze della Basilica, senza però raccogliere consensi. Speriamo che stavolta sia rispettato, visto che in passato i due sono rimasti in Italia nonostante fossero stati obbligati a lasciare il Belpaese. Secondo quanto scoperto dagli investigatori, i due avrebbero ricevuto diversi decreti di espulsioni, ma che fino ad ora non avevano mai ottemperato. Attualmente sono tratteneuti presso un centro di accoglienza diBari in attesa di essere rimpatriati. Ed e’ stato proprio nell’ambito di tale attivita’ che una pattuglia della Polizia di Stato, in servizio nell’area di Santa Maria Maggiore, e’ intervenuta bloccando gli aggressori.

L’episodio è avvenuto ieri sera, dinanzi alla celebre Basilica romana, che rappresenta uno dei 150 siti della Capitale presidiati dalle forze dell’ordine.

Rispondi o Commenta