Roma, tassista violentata, Simone Borgese: “E’ stato un raptus, non so cosa mi abbia preso in quel momento”

Il ragazzo romano, Simone Borghese ha confessato di aver stuprato una tassista di Roma di 43 anni. Simone, 30enne separato e con una bimba di 7 anni, è stato individuato tramite l’identikit sviluppato dalle forze dell’ordine:«È una cosa di cui mi pentirò per tutta la vita, non mi era mai successo in vita mia una cosa del genere: lo confesso subito e mi tolgo un peso, sono stato io, chi cercate sono io». Questo è quello che ha detto al momento della confessione.

“Si, sono stato io. Volevo prendere l’autobus, poi ho visto quel taxi e l’ho fermato. E’ stato un raptus, non so cosa mi abbia preso in quel momento. L’ho colpita, ho scavalcato il sedile e l’ho costretta ad un rapporto orale”. Dopo il fermo, l’uomo ha passato la nottata nel carcere romano di Regina Coeli dove ha passato una notte tranquilla senza nessun nervosismo, è rimasto sempre calmo e lucido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.