Russia, anziana donna killer confessa di aver ucciso e mangiato 11 persone

Una sconvolgente storia arriva direttamente dalla Russia, dove un’anziana donna di 68 anni, Tamara Samsonova, pensionata di San Pietroburgo, ex dipendente di un hotel è stata arrestato qualche giorno fa per una serie di delitti. La donna, avrebbe confessato di aver ucciso 11 persone; l’aspetto macabro della storia è che la donna avrebbe confessato di aver anche smembrato ed anche divorato i cadaveri, il tutto nell’arco di venti anni. Non si tratta di una trama di un film horror, ma di una storia realmente accaduta e che sa veramente dell’incredibile.

“Aspettavo da oltre 10 anni di ritrovarmi qui. Ho fatto tutto deliberatamente, con questa morte ho chiuso il capitolo. E’ lei che decide, vostro onore, io merito di essere punita”, questo quanto dichiarato dalla donna, la quale è stata arrestata dalla polizia dopo il ritrovamento di diversi resti di corpi smembrati, compreso un busto privo di testa, in una tenda di doccia in un parco nel quartiere Kupchino di San Pietroburgo. Sono state le telecamere a circuito chiuso a permettere agli inquirenti ed alle forze dell’ordine di risalire alla donna.

Secondola polizia, la donna avrebbe anche ucciso il marito, il quale è misteriosamente scomparso nel 2005. Davanti al giudice la donna ha dichiarato:“Sono colpevole e merito di essere punita”. In uno dei suoi diari, rinvenuti dalla polizia, la donna aveva segnato:“Ho ucciso il mio inquilino Volodya, tagliato a pezzi nel bagno con un coltello e quindi messo i pezzi del suo corpo in una busta di plastica per poi disfarmene”. Al momento gli psichiatri stanno accertando se la donna sia in grado di subire un processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.