San Lorenzo, le stelle quest’anno saranno magnifiche

Quest’anno a San Lorenzo potremo goderci uno fantastico spettacolo. Lo spettacolo inizierà il 10 di agosto ma il top si avrà nella notte tra mercoledì e giovedì con una teorica misura di 100-120 meteore per ora. Il momento migliore per l’osservazione resta quello delle ore centrali della notte.
Non sarà necessario di servirsi di cannocchiali o telescopi, visto che le stelle cadenti saranno visibili ad occhio nudo ma senza dubbio servirà un punto di osservazione estremamente buio lontano dai centri abitati.  Bisognerà guardare verso la zona di Perseo, situata verso nord-est verso le 23. Come individuarla? Si trova nei pressi della costellazione a forma di W Cassiopea.

Le stelle cadenti sono dei frammenti  di una vecchia cometa che incontra il nostro pianeta una volta l’anno.Questo fenomeno celeste fu registrato per la prima volta dai cinesi nel 36 d.C.poi dai giapponesi, coreani ed europei. Il primo a dare una spiegazione scientifica fu l’italiano Giovanni Virgilio Schiapparelli correlando il residuo del passaggio della cometa transitata al perielio nel 1862 ed il ripetersi delle”piogge” meteoriche. Naturalmente ci fu’ un fortissimo dibattito tra gli scienziati dell’epoca, ma Schiapparelli ne uscì vincitore e la sua teoria, si rivelò quella giusta.

Questo fenomeno non è però il solo che accade durante l’anno. Infatti sono molti gli sciami di meteoriti presenti nell’arco di tutto l’anno e hanno nomi curiosi. Quatrantidi (3 gennaio), Lindi (2 aprile), Eta Acquaridi (5 maggio), Delta Acquaridi (28 luglio) e le Perseidi (10 agosto). Se vi doveste perdere San Lorenzo, avrete altre occasioni per poter esprimere i vostri desideri: i prossimi appuntamenti sono con le Orionidi (22 ottobre), Tauridi (3 ovembre), Leonidi (17 novembre), Geminidi (14 dicembre) e, infine, Ursidi (23 dicembre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.