Sanità, martedì 19 maggio scioperano i medici: chiusi tutti gli ambulatori

0

Dopo aver scioperato il mondo della scuola contro la riforma tanto voluta dal governo Renzi, ecco un altro sciopero previsto per martedì 19 maggio, questa volta promosso dai medici di base. Sciopereranno dunque gli appartenenti al sindacato Fimmg, ovvero la Federazione medici medicina generale, i quali per quella giornata non svolgeranno il loro lavoro.

Il motivo dello sciopero? Alla base ci sarebbe il mancato accordo riguardante il rinnovo dlla convenzione con il servizio sanitario nazionale, nonostante si tratti di una trattativa che dura ormai da parecchio tempo, e che ormai da sei mesi sembra essersi fermata.

Martedì prossimo dunque, gli studi di base rimarranno chiusi al pubblico, ma rimarranno aperti soltanto per visite urgenti o per pazienti terminali i quali hanno già appuntamenti fissati da parecchio tempo. ” Io non vado col primo che capita. Il mio medico di famiglia lo scelgo io”, è questo lo slogan che accompagnerà l’intera giornata e dunque l’intera protesta, che si svolgerà a carattere nazionale,a partire dalle ore 8 fino alle ore 20.Lo scopo è quello di garantire al cittadino libertà di scelta del medico.Tale iniziativa è rivolta essenzialmente a Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e Matteo Renzi.

“Ogni giorno assistiamo ad una progressiva violazione degli Accordi Nazionali e Regionali (ancora oggi inapplicati in alcune parti) , unendo i pesanti danni economici derivanti dalla mancata applicazione di alcuni istituti, alla realtà di un blocco dei due accordi, che oramai dura da circa 10 anni”, questo quanto dichiarato dal direttivo provinciale della Fimmg Crotone. 

Rispondi o Commenta