Sanità, revocato lo sciopero dei medici annunciato su Twitter dal Ministro Lorenzin

Proclamato per oggi lo sciopero nazionale dei medici. Sono state le organizzazioni sindacali F.I.M.M.G., ovvero Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, F.I.M.P. ovvero Federazione Italiana Medici Pediatri ed ancora C.I.Pe, Confederazione italiana pediatri. “Io non vado col primo che capita.

Il mio Medico di Famiglia lo scelgo io”, è questo lo slogan della grande campagna contro l’abolizione del Medico di famiglia.“Abbiamo preso questa difficile decisione nell’intento di richiamare l’attenzione della pubblica opinione ma soprattutto della classe politica che invece di consolidare e rafforzare il ruolo del Pediatra di Famiglia, che il mondo ci invidia, tenta di metterlo in crisi mettendo in discussione il rapporto fiduciario”, questo quanto dichiarato dai pediatri della Fimp, ovvero Federazione italiana medici pediatri.

Lo sciopero, tra le tante motivazioni ha anche quella si far che la figura del Pediatra di Famiglia possa assistere ancora meglio i bambini ed assicurare a tutti coloro che vivono in Italia la loro assistenza senza dover per forza specificare il luogo di residenza, il paese di origine o ancora le possibilità economiche. Ma ecco che a poche ore dall’inizio dello sciopero, è arrivata la notizia della revoca e dunque gli studi medici rimarranno aperti.E’questa la decisione presa al termine dell’incontro al Ministero della Salute, nel corso del quale i sindacati ed i rappresentanti del governo hanno raggiunto un accordo. «Sciopero medici domani revocato. Prendiamo impegni e li rispettiamo. Grazie a tutti per il buonsenso, i pazienti prima di tutto», è questo quanto diffuso nella serata di ieri attraverso un tweet direttamente dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.